Notizie, appuntamenti, due chiacchiere al volo

 

Creature mostruose e auguri pop up

Domenica 15 Dicembre ha avuto luogo a Milano, presso l’associazione culturale Tiremm Innanz, il laboratorio con frammenti di pietre di scarto “Immaginifico Natale”.
Fra i coraggiosi partecipanti 3 bambini e una bambina dai 7 ai 10 anni e 2 mamme.
Perché “coraggiosi”? Perché dovevano dare forma e parola a dei mostri a partire da frammenti di pietre di scarto provenienti dalla Val D’Ossola. Frammenti accuratamente scelti e donati da Tiziana Scaciga di Pietre Trovanti, ideatrice con Eleonora Terrile dei laboratori della serie “Immaginifico”.

Faccia quadrata e denti da squalo
Diavolo con tre corna

Ogni creatura mostruosa è stata accompagnata da una carta di identità per illustrare al mondo intero dove abita, il suo potere e che cosa desidera.
Come si dice? Persona avvisata: mezza salvata!
Infine, per onorare la tradizione natalizia di fare gli auguri ai propri cari, gli autori di ogni mostro hanno creato un biglietto augurale pop-up.
Qualcuno ha seguito la tradizione, qualcun altro no!

Mostro Multivack e sua carta di identità
Il mostro Nosotron di mamma Alessandra, dotato di carta di identità e di auguri pop up
L’augurio dello spaventoso mostro con denti da squalo
Sembra dolce il mostro di Ofelia, in realtà è molto pericoloso: non fatevi ingannare dagli auguri tradizionali!

Olmo ha fatto auguri spaventosi, coerente con la pericolosità del mostro Multivack e delle sue terribili intenzioni!
L’elegante Lucertolus di mamma Elena e i suoi auguri
Nessun augurio indiavolato, ma tanta dolcezza!

Finito il laboratorio una signora dell’associazione Tiremm Innanz mi ha detto: “Che silenzio. Tutto bene? Di solito durante i laboratori sentiamo i bambini parlare, ridere, scherzare.”

Quando bambini e bambine entrano in contatto con le pietre di scarto la loro immaginazione vola e la concentrazione, preludio alla nascita di una creatura immaginifica, è altissima.
Quello che chiamiamo silenzio è l’impercettibile battito d’ali dell’immaginazione.

“Immaginifico Natale” da Tiremm Innanz

Chi ha detto che bambini e bambine devono creare solo biglietti augurali con alberelli, palline e pupazzi di neve? I piccoli più impavidi possono trasformare frammenti di pietre di scarto provenienti dalla Val D’Ossola in “Immaginifici mostri” e fare auguri paurosamente divertenti ai loro amici e famiglie. Attenzione! Attenzione! Potrebbe arrivarvi a casa il mostro “Tritaregali” o “Distruggipacchetti”!

Cari Alberi, cari Maestri

Quest’anno due artisti e uno scienziato di fama mondiale mi hanno fatto compagnia con i loro libri sugli alberi: Katsumi Komagata con il capolavoro “Piccolo Albero”; Bruno Munari con il manuale “Disegnare un albero”; Stefano Mancuso con “La Nazione delle piante” e “L’incredibile viaggio delle piante”.

Ognuno di questi libri fa ora parte del mio bosco immaginario, nel quale hanno trovato posto dall’infanzia a oggi fiabe, storie, immagini, poesie, haiku, nozioni, meraviglie tattili e pop-up, gesti poetici e moniti ambientalisti, creature animali, vegetali, minerali, immaginifiche.

E così, ogni volta che mi addentro in questo bosco, mi metto sulle tracce dei grandi in cerca di aiuto e ispirazione. Poi, con immensa gratitudine verso i Maestri che ho incontrato, do forma a un albero pop up, a un haiku di foglia in foglio, a “oggetti magici” per i bambini dei miei laboratori.
Haiku di Foglia in Foglio
Haiku di foglia in foglio
Eleonora Terrile di Labelluli fra gli artisti di Mus-e Milano

Eleonora Terrile di Labelluli fra gli artisti di Mus-e Milano

Prima o poi gli esploratori della bellezza e della meraviglia si incontrano, raccontano e camminano insieme.
E così il 23 Ottobre 2019 Eleonora di Labelluli è entrata nel gruppo di artisti di Mus-e Milano, progetto di respiro internazionale che fa capo a Mus-e Italia.
Dal 1993 il progetto Mus-e porta l’arte negli asili e nelle scuole primarie di varie città europee e dal 1999 in quelle italiane, per favorire l’integrazione e aiutare bambini e bambine a scoprire la bellezza negli altri e dentro di sé.

Lascio a Mus-e Italia racconti, numeri, suggestioni. Mi limito a dire che tutto è nato da un sogno, quello del violinista di fama mondiale Yehudi Menuhin che, mosso dal suo amore per l’arte, per i bambini e per la pace nel 1991 fondò a Bruxelles la Yehudi Menuhin Fondation. Da questo sogno realizzato presero forma, anno dopo anno, sedi Mus-e in tutta Europa.

Mi fermo qui. A Novembre entrerò con altri artisti in 3 classi di altrettante scuole primarie di Milano per volare con bambini, bambine e con i loro insegnanti sulle ali dell’arte, della bellezza, della collaborazione e dell’inclusione.


“Immaginifici mostri e versi da paura” da Tiremm Innanz!

“Immaginifici mostri e versi da paura” da Tiremm Innanz!

Il 9 Novembre Labelluli terrà il laboratorio con frammenti di pietre di scarto della Val d’Ossola Immaginifici mostri e versi da paura, presso l’associazione culturale Tiremm Innanz di Milano.

Ideale per bambini e bambine dai 6 agli 11 anni, il laboratorio fa parte della serie Immaginifico ideata da Tiziana Scaciga di Pietre Trovanti e da Eleonora Terrile di Labelluli.

A differenza dei sassi levigati proposti da artisti del calibro di Bruno Munari, i frammenti di pietre di scarto sono irregolari nella forma e superficie, ruvidi e spigolosi al tatto, fonte di differenti sonorità e riflettono la luce con maggiore o minore intensità.

I frammenti di pietre di scarto della Val d’Ossola hanno già ispirato immaginifiche creature e storie e trasmesso, attraverso il gioco, la ricchezza della diversità e la bellezza dell’imperfezione.

Il 9 Novembre immaginifici mostri sono pronti a prendere forma e parola da Tiremm Innanz, grazie alla paurosa creatività dei vostri bambini e bambine.

Per regalare un pomeriggio mostruosamente divertente alle vostre creature scrivete subito a info@tiremminannz.com o chiamate il numero 335 1002344.