Notizie, appuntamenti, due chiacchiere al volo

 

La parola ad Andrea Prandin e Antonia Chiara Scardicchio sulle carte Scintille.

Le carte “Scintille” di Labelluli sono state presentate il 20 Novembre 2020 al seminario online “Per gioco e per cura” organizzato da Alessandra Falconi, Direttrice del Centro Alberto Manzi, promosso dalla Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza Clede Maria Garavini e sostenuto da Regione Emilia Romagna.

I 680 partecipanti hanno potuto vedere alcune carte e ascoltare due relatori che ne hanno parlato: Andrea Prandin, consulente pedagogico e docente di Philo e la docente di UniFoggia Antonia Chiara Scardicchio.

Chi non era presente potrebbe chiedersi a che cosa servono le carte Scintille.
Risolvono problemi creativi, narrativi, strategici? No.
Trasformano adulti e bambini in scrittori, scrittrici, copywriter, sceneggiatori? No.
Leniscono i dolori della vita? No.
Svelano il futuro? Neanche.

E allora?
Trascrivo alcune riflessioni tratte dagli interventi di Antonia Chiara Scardicchio e di Andrea Prandin*.

Le carte Scintille nutrono la possibilità di ascolto.
Rompono l’equilibrio fra chi chiede e chi risponde attraverso domande legittime. (Le domande legittime non prevedono una risposta esatta e una sbagliata. Sono domande delle quali non si sa la risposta).
Chi risponde esce dal ruolo di interrogato e diventa un ricercatore di possibilità.

Le carte Scintille non hanno connessioni con il già visto e il già detto.
Fanno uscire dal pensiero binario.
Educano al pensare, non al cosa pensare.
Educano alla complessità.

La carte Scintille ribaltano le metafore e aprono a nuovi punti di vista.
La carta del bambino Scarabocchio, per esempio, capovolge la metafora di qualcosa di sbagliato/non conforme/pasticciato/fatto male grazie alla domanda “scintilla”.
Un bambino Scarabocchio ha un potere. Quale?
Poiché ogni carta Scintilla ha 6 declinazioni, lo stesso ribaltamento di significato può riferirsi a un papà, un uomo, una bambina, una donna, una mamma Scarabocchio.

Le carte Scintille sono poetiche.
E generative.

A queste e a tante altre riflessioni si sono aggiunte quelle di vari partecipanti ai test svolti da Andrea Prandin nei mesi scorsi.
Scelgo recinti forati.
Perché? Perché questa definizione parla di limiti e di come superarli. Evoca l’aria, il respiro ed è preludio al motto delle mie carte: Quando lo sguardo respira, l’immaginazione vola.

I mazzi di carte presentate al seminario verranno stampati in circa 150 copie richiedibili al Centro Alberto Manzi. Le spedizioni partiranno con il nuovo anno.
Per volere mio e del Centro Alberto Manzi le carte saranno date gratuitamente a insegnanti di scuole primarie statali, psicologi, educatori, educatrici, operatori del Tribunale dei Minori.

*Antonia Chiara Scardicchio e Andrea Prandin hanno collaborato alla nascita delle carte “Scintille”.
Grazie alle loro osservazioni e riflessioni ho sviluppato l’originario mazzo di 10 carte nell’attuale di 60,
facendone uno strumento utile sia in contesti didattici sia di formazione per adulti.

Un Atelier con Scintille al seminario “Per gioco e per cura” del Centro Alberto Manzi

Oggi, 20 Novembre, ho il piacere di partecipare al seminario online Per gioco e per cura. Pensieri e strumenti per sostenere bambini e bambine, al quale si sono iscritte 680 persone.
Promosso dalla Garante per l’infanzia e adolescenza Clede Maria Garavini e organizzato da Alessandra Falconi, Direttrice del Centro Alberto Manzi, il seminario dà spazio a riflessioni sulle povertà educative e sulle nuove fragilità emerse o rese visibili dalla pandemia.

In una data, un contesto e un intreccio di saperi tanto significativi, come dimostra il ricco programma, tengo un Atelier pomeridiano con Scintille – carte un po’ per gioco, un po’ per cura.
Sono carte versatili  ideate la scorsa Primavera, usate per la prima volta in laboratori da remoto di una classe Mus-e Milano (1).

Ogni carta ha un’illustrazione e una domanda.
L’illustrazione è una provocazione, la domanda una scintilla che accende la creatività.
Oggi, nel corso di un Atelier, ho il piacere di presentarle ai partecipanti e di suggerire qualche modalità di utilizzo, ben sapendo che nelle mani di educatori, educatrici e di insegnanti della scuola primaria prenderanno nuove sorprendenti direzioni.

Ideate per giochi di narrazione orale e scritta, improvvisazione teatrale e invenzione artistica destinati alla scuola primaria, le carte Scintille hanno fatto altri passi grazie ad Antonia Chiara Scardicchio, Docente di UniFoggia, e ad Andrea Prandin, Consulente pedagogico, Docente presso Philo-Scuola di pratiche Filosofiche Milano.

Antonia Chiara Scardicchio e Andrea Prandin hanno visto la possibilità di utilizzare le carte in contesti di formazione per educatori, educatrici, psicologi, insegnanti, operatori al servizio del Tribunale dei minori.
Questo perché il binomio immagine-provocazione e domanda-scintilla allarga gli orizzonti della visione di sé e degli altri, permettendo di raccontare e raccontarsi senza giudizi, pregiudizi, tabù, oltre l’autocensura e il pensiero binario.
La loro intuizione ha trovato conferma in vari test tenuti da Andrea Prandin in corsi di formazione con adulti.

Dopo il laboratorio per Mus-e Milano, altre prove con bambini e bambine e i contributi di Antonia Chiara Scardicchio e di Andrea Prandin arriviamo al 20 Novembre 2020, giornata Internazionale per i diritti dei bambini e degli adolescenti.
Se oggi interveniamo tutti e tre e presentare le carte al seminario Per gioco e per cura. Pensieri e strumenti per sostenere bambini e bambine dobbiamo dire un immenso grazie ad Alessandra Falconi, Direttrice del Centro Alberto Manzi, e alla Garante per l’infanzia e adolescenza della Regione Emilia Romagna, Clede Maria Garavini.

(1) Il primo passo di Scintille: un laboratorio di Mus-e Milano.

Ho utilizzato per la prima volta le carte insieme all’artista e attrice Roberta Secchi, con la quale tengo laboratori Mus-e presso l’Istituto Tommaso Grossi di Milano.
La scorsa Primavera la maestra Antonietta Guanci dell’allora 2°B ci ha chiesto qualche attività ludica da fare da remoto, in modo che i suoi bambini e bambine potessero vederci e tenere vivo il rapporto con noi.
Incontro dopo incontro abbiamo fatto varie proposte, fra le quali una con 10 carte da me realizzate, le future “Scintille”, alle quali Roberta ha dato voce con sorprendenti e divertenti interpretazioni.

La dinamica del primo laboratorio.

Dopo aver incuriosito la classe con Roberta, dicendo che avevamo preparato una sorpresa, ho chiesto alla maestra di dirmi un numero da 1 a 10 mentre mescolavo le carte, non ancora visibili a bambini e  bambine.

Estratta la carta l’ho mostrata alla classe. Per rompere il ghiaccio e far capire bene il gioco, ho posto la domanda scintilla dapprima alla maestra, poi all’insegnante di sostegno, infine a Roberta.
Ascoltate le loro risposte ho poi coinvolto i bambini e le bambine.

Finito di sentire tutti, ho chiesto a Roberta: “Che voce potrebbe avere un bambino Piuma?”.
Roberta ha fatto la sua interpretazione. Poi ha invitato me e le insegnanti a improvvisare. Infine si è rivolta ai bambini e alle bambine.

Come è andata?
Il laboratorio è durato molto più dei 40 minuti previsti. Ogni volta che finiva il gioco di domande-risposte interpretazioni collettive con una carta, la classe ne chiedeva un’altra.
La fine è stata merito di Adam che, guardando l’orologio, ha detto: “Maestra, siamo qui da 1 ora e 20!”

E proprio dal preciso Adam abbiamo ricevuto un sorridente bambino orologio!

Anche la solare Yasmine ha ideato due carte!

Carte di Labelluli al seminario “Per gioco e per cura” del Centro Alberto Manzi

Carte di Labelluli al seminario “Per gioco e per cura” del Centro Alberto Manzi

Venerdì 20 Novembre si terrà online dalle 9.00 alle 17.30 il seminario “Per gioco e per cura. Pensieri e strumenti per sostenere bambini e bambine.”

Promosso dalla Garante per l’infanzia e l’adolescenza e organizzato da Alessandra Falconi del Centro Alberto Manzi, il seminario darà spazio a riflessioni sulle povertà educative e sulle nuove fragilità emerse o rese visibili dalla pandemia.

All’evento interverranno:
– Emma Petitti – Presidente dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna
– Bambini e bambine del plesso Carla Ronci, Istituto Comprensivo Fermi, Rimini
– Clede Maria Garavini – Garante per l’infanzia e l’adolescenza
– Elly Sclhein – VicePresidente della Regione Emilia Romagna
– Antonia Chiara Scardicchio – Docente di UniFoggia
– Andrea Prandin, Consulente Pedagogico, docente presso Philo – Scuola di pratiche Filosofiche Milano
– Nuccia Maldera, Movimento di Cooperazione educativa, MCE Torino
– Nicoletta Grassi, Unicef Emilia-Romagna
– Eleonora Terrile – Fondatrice di Labelluli e artista di Mus-e Milano
– Alessandra Falconi – Direttrice del Centro Alberto Manzi

In una data, un contesto e un intreccio di saperi tanto rilevanti saranno presentate anche le carte metaforiche di Labelluli, testate da Eleonora Terrile con bambini e bambine e da Andrea Prandin in contesti di cura.

L’iscrizione al seminario è gratuita, ma obbligatoria.

Pianista tascabile per animi artistici

Nell’attesa di Piano City Milano il nuovo Kit Poetico Tascabile di Labelluli “PIanista tascabile per animi artistici”, dedicato alla pianista concertista Veronika Koprivica e all’INEDITO da lei composto: “TRANSITION”.

Il sonoro del video, registrato in casa, ha qualche imperfezione che, sì, potrebbe infastidire chi ama la purezza del suono, ma conquistare chi desidera sentire il cuore pulsante della vita casalinga e l’allegro vociare di bambini.

Prossimamente sarà possibile ascoltare e vedere l’esecuzione di Transition sul canale You Tube di Concertato, associazione culturale fondata da Veronika Koprivica.

Trio da camera tascabile per animi romantici

Kit poetico tascabile di Labelluli, dedicato al Trio di musica da camera composto da:
Sofia Villanueva – Violinista
Veronika Koprivica – Pianista
Alexander Zyumbroskiy – Violoncellista

Elegia di Anton Arensky Piano Trio – Op 32 D minor III mov

Esecuzione originale sul canale YouTube dell’Associazione culturale Concertato di Veronika Koprivica.