Il 9 Maggio sarà la Festa della mamma.
Le vetrine dei negozi e degli e-commerce sono piene d’idee-regalo e di inviti all’acquisto che vanno dal “dimostra il tuo amore” al “dono per la mamma romantica/sportiva/affettuosa/lavoratrice, etc…”

Le pubblicità raccontano che esistono tanti tipi di mamme, classificandole in base a caratteristiche superficiali, buone solo a orientarci nella babele delle offerte.
È vero che non c’è una mamma uguale all’altra.
Per questo motivo non dovrebbe esistere un modello di mamma né una mamma modello. Talvolta però bisogna fare i conti con immagini stereotipate presenti nella società, nella cultura di appartenenza, nella storia familiare e nel modello interiore di mamma con cui ogni donna prima o poi si confronta.

Ad aprire nuovi sguardi sulla maternità è la pedagogista Daniela Guzzi, che da qualche mese sta utilizzando le carte Scintille in percorsi di consulenza pedagogica per adulti.
In incontri con neomamme e mamme ha usato le carte Scintille per stimolare un lavoro di scrittura introspettiva attraverso il quale hanno preso forma poetica le emozioni legate al vissuto personale.
Le carte, sapientemente attivate da Daniela Guzzi, hanno stimolato un dialogo e un confronto anche con i papà. Inoltre hanno permesso a genitori e a neo-genitori di guardare con altri occhi se stessi e i loro bambini e bambine.